Il Business plan di una pizzeria: valutare i costi

Business Plann

Devi sapere che ogni nuova impresa nasce da un’idea, da un’intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l’espansione della domanda di un prodotto/servizio, la modificazione dei gusti e delle propensioni d’acquisto dei consumatori, il successo di altre imprese, l’individuazione di un bisogno e di una carenza del mercato.

Dopo l’intuizione, deve partire un processo organizzato di verifica dell’idea. Questo processo di analisi porta alla redazione di un piano di fattibilita’ o business plan per verificare se l’idea imprenditoriale ha un mercato e se il prodotto/servizio può essere acquistato dal consumatore e a che prezzo.

Da questo progetto di impresa devono emergere: • le caratteristiche tecniche che dovra’ avere il prodotto/servizio • le tecnologie e le attrezzature necessarie per la sua realizzazione • il tipo di mercato che si intende servire • l’immagine che si vuole dare all’impresa • le politiche promozionali che si intendono attivare • le politiche di prezzo • il capitale necessario per avviare e gestire l’impresa • i soci/collaboratori da coinvolgere • la forma giuridica più adeguata • gli adempimenti burocratici da compiere.

Al termine di questo processo di analisi e di ricerca, dovrai essere in grado di partire con un ragionevole grado di certezza sulla potenzialita’ dell’idea e sulla realizzabilita’ del progetto.

Ma perche’ e’ necessario dotarsi di un business plan? •

Perche’ alla nuova impresa serve una traccia che indichi la strada maestra da percorrere sulla quale indirizzare la propria attività.

• E il business plan e’ proprio il documento nel quale vengono identificate le principali azioni che saranno intraprese nei primi anni di vita dell’impresa.

Ma quali sono gli obiettivi di un business plan?

• 1- fornire informazioni fondamentali per l’avvio dell’attivita’, (quali e quante risorse economiche, finanziarie ed umane sono necessarie, le caratteristiche del prodotto e del mercato, etc…)

• 2 – consentire all’imprenditore una visione d’insieme dei fattori che caratterizzano l’azienda, fornendo una base sulla quale pianificare strategie ed azioni;

• 3 – illustrare la formula imprenditoriale (sistema di prodotto, mercato, struttura organizzativa) e non solo la descrizione del prodotto/servizio;

• 4 – sottolineare l’originalita’ dell’idea imprenditoriale;

• 5 – verificare l’interesse della potenziale clientela;

• 6 – essere un utile indicatore di quali sono gli obiettivi che si intendono raggiungere e le modalita’ per perseguirli;

• 7 – verificare la coerenza tra le singole azioni indicate, ed in particolare tra descrizione dell’attività e conseguenti costi di investimento e di gestione;

• 8 – definire la forma giuridica in rapporto alle caratteristiche dell’impresa descritte;

• 9 – consentire previsioni attendibili simulando le varie ipotesi di sviluppo dell’attività dell’impresa;

• 10 – servire come “biglietto da visita” per presentare l’impresa all’esterno (potenziali soci, finanziatori, banche, clienti e fornitori).

La mission
• E’ un momento di riflessione in cui devono essere esplicitate le motivazioni all’imprenditorialita’perche’ avviare una qualsiasi attivita’ di impresa comporta dei rischi e sicuramente la nascita di problemi di varia natura (dai rapporti con i soci a quelli con fornitori, clienti inadempienti ed eventuali finanziatori).
• E’ importante quindi soffermarsi e ragionare sul contesto in cui l’idea imprenditoriale e’ stata generata.

1.1 LA MISSIONE
• Definizione della missione aziendale

1.2 L’IDEA IMPRENDITORIALE
• a) Nascita dell’idea imprenditoriale
• b) Stato di avanzamento del progetto
• c) Motivazioni all’imprenditorialità
• d) Caratteri distintivi ed eventuali elementi di innovazione
1.3 LA FORMULA IMPRENDITORIALE
• Evidenziare in termini sintetici la formula imprenditoriale sulla base di:
– sistema di prodotto/servizio offerto
– clienti
– struttura organizzativa
(risorse, organizzazione dell’attività, forma
di gestione, ecc.)

1.4 I PROMOTORI
• a) Caratteristiche professionali dei
promotori.
• b) Precedenti esperienze imprenditoriali

Qual è il mercato di riferimento?
Chi sono i concorrenti e clienti?
• Spesso capita che innamorati della propria
idea, non si veda o si sottovaluti il contesto
in cui si andrà ad operare: il mercato.
Errore frequente che a volte puo’
comportare seri problemi per l’impresa.

• Per questo per avviare un’attività in proprio e’ fondamentale conoscere il mercato di riferimento.
• Ciò vuol dire fare analisi approfondite sui concorrenti potenziali diretti (coloro che producono il mio stesso bene o erogano il mio stesso servizio) e indiretti (coloro che producono un bene o erogano un servizio che puo’ facilmente sostituire il mio), e sui clienti potenziali (i loro bisogni, le loro caratteristiche, i loro processi di acquisto, etc…).

• E’ il mercato di riferimento che detta le “regole del gioco”: conoscerle e farle proprie e’ un vantaggio nei confronti della concorrenza.
• Una giusta ricerca di mercato, una approfondita analisi degli attori che agiscono all’interno di esso offre una serie di informazioni, quali prezzi da applicare, quali politiche promozionali e distributive (dove, a chi, come affidare la
vendita e la distribuzione dei beni prodotti o servizi erogati), che ben utilizzate possono rendere l’idea vincente.

• Per capire il contesto in cui si andrà ad operare, le sue regole di funzionamento e come inserirsi con il proprio prodotto o servizio e’ fondamentale offrire le seguenti informazioni

• a) Descrizione tecnica del prodotto/servizio (descrizione delle principali linee di attivita’: funzioni d’uso (vantaggi per il cliente), caratteristiche tecniche, tecnologie produttive, materie prime
• b) Descrizione degli elementi innovativi del prodotto/servizio rispetto al mercato attuale
• c) Stato di avanzamento dello sviluppo del prodotto (idea, progetto, prototipo…)
2.1 IL PRODOTTO/SERVIZIO

2.2 I CLIENTI
• a) Identificazione delle principali tipologie di clienti: i clienti che acquistano (finali e intermedi) e i clienti utilizzatori.
• b) Descrizione delle loro caratteristiche: funzioni/scopi, esigenze e vantaggi ricercati rispetto alla tipo di offerta dell’impresa, localizzazione geografica, capacità di spesa o reddito, variabili socioeconomiche, fattori che influenzano l’acquisto
• c) Stima quantitativa del valore del mercato (numero dei clienti potenziali, valore della spesa)
• d) Estensione geografica del mercato che si intende servire
• e) Prospettive di medio lungo periodo in funzione dei dati raccolti
• f) Test e ricerche di mercato già effettuati

2.3 LA CONCORRENZA
• a) Analisi della concorrenza operante e della concorrenza potenziale; tipologie di principali
concorrenti e relative offerte di prodotti/servizi concorrenziali rispetto all’offerta dell’impresa
• b) Eventuali concorrenti critici
• c) Barriere all’entrata
• d) Eventuali prodotti/servizi sostitutivi

2.4 COSTRUZIONE ED ANALISI DELLA MATRICE PRODOTTI/CLIENTI
• a) Individuazione delle linee di prodotto/servizio e dei segmenti di clientela
• b) Analisi della Matrice sulla base di: fattori critici di successo del mercato, comportamento della domanda, logiche
distributive, sinergie produttive, sinergie di mercato, principali concorrenti

Obiettivo della prossima sezione e’ quello di pianificare, nel dettaglio, come funziona e cosa serve in termini di risorse interne e di competenze per lo sviluppo dell’impresa.
Per fare cio’ dovresti rispondere a questi punti:

3.1 LE RISORSE UMANE
• Indicare sinteticamente le risorse necessarie per lo svolgimento dell’attività e le competenze tecniche e gestionali:
• a) i soci e titolari (curricula e ruolo nel progetto d’impresa)
• b) numero e caratteristiche (età, sesso, qualifiche, mansioni, etc…) dei dipendenti e collaboratori

3.2 LE RISORSE “TECNICHE” MATERIALI E IMMATERIALI
• Le competenze tecnologiche, know-how, brevetti e licenze, logistica, finanziarie (capitale di rischio e indebitamento), livello attuale di introduzione delle tecnologie sopra descritte.

3.3 ORGANIZZAZIONE DELLE VARIE AREE E RELATIVE CRITICITA’
• a) Produzione (descrizione del processo di produzione, make or buy, impianti e attrezzature, principali aspetti critici) e/o di erogazione del servizio (dall’individuazione del bisogno alla realizzazione del servizio – capacita’ di personalizzazione del servizio)
• b) Acquisti (principali acquisti dall’esterno, principali fornitori e relative logiche di comportamento, aspetti finanziari collegati agli acquisti,criticità)
• c) Vendite (dirette o tramite intermediari, la forza vendita dell’impresa – interna e/o esterna- , eventuale sistema di provvigioni,…)
• d) Contabilita’, aspetti fiscali, controllo economico-gestionale (esternalizzazione e/o internalizzazione, strumenti e modalità di controllo)
• e) Coordinamento imprenditoriale (le eventuali funzioni previste)
3.4 RUOLI E RESPONSABILITA’
• creare un organigramma
Come promuoverti ?
• Come ben sai, la pubblicita’ e’ l’anima del commercio!!!
• Per un’attivita’ che nasce e’ assolutamente indispensabile farsi conoscere nel modo giusto.
• Attivita’ promozionali sbagliate o rivolte indistintamente a tutti è il solo modo per sprecare tempo e denaro.
• Alla luce della definizione del tipo di mercato in cui si intende operare diventa conseguentemente più semplice avviare una giusta politica promozionale.
• Il tuo obiettivo e’ quello di individuare gli strumenti possibili per farti conoscere e identificare i giusti canali di promozione, quelli più efficaci al raggiungimento del tuo fine.

Quindi, in questa parte del tuo business plan dovrai definire:
• a) La politica di prezzo prevista per ciascun prodotto/servizio
• b) Le politiche promozionali previste
• c) Le politiche distributive previste
• d) La pubblicita’ e la comunicazione
• e) Altre ed eventuali forme di promozione

Nella quinta ti parlero’ di un aspetto molto importante per il tuo business: “gli investimenti”.
• Scommetto che gia’ hai fatto una lista di tutti gli impianti, macchinari, materie prima, semilavorati, arredamenti ecc… che ti servono per iniziare la tua nuova attivita’!!
• Ma sai esattamente quello che ti serve veramente?
• E sai quanto ti costa?
Infatti in questo capitolo del business plan devono essere indicati i costi che dovrai sostenere (o si sono sostenuti) per gli investimenti in macchinari, attrezzature, eventuali ristrutturazioni ecc…
• In parole povere ti serve una nota spese per pianificare di quali e quante risorse materiali ed economiche occorrono per avviare l’attivita’ dei tuoi sogni

Il tuo compito in questo capitolo e’ quello di:
• a) descrivere gli investimenti (effettuati e previsti) e relativi ammortamenti
• b) verificare le tue capacita’ produttiva rispetto alla concorrenza

In questa sesta lezione ti faro’ un accenno al bilancio di previsione.
• Quanto ti costa e quanto ti rende l’attivita’
• In quanto tempo e’ possibile rientrare nel capitale investito?
• L’idea e’ economicamente valida e quindi fattibile?

Per rispondere a queste domande e’ necessaria un’analisi preventiva di costi/benefici, per capire:
• a che prezzi vendere i prodotti e/o i servizi per poter raggiungere un buon livello di reddito,
• da quando i futuri imprenditori possono incominciare a percepire un compenso per il lavoro svolto,
• quali sono le voci di entrata e uscita di cassa, gli ammontari di cui chiedere eventuali finanziamenti.

La parte precedente del business plan e’ servita a fornire tutte le informazioni inerenti la professionalita’
necessaria per lo sviluppo dell’idea, il mercato, le persone coinvolte, i mezzi e le attrezzature necessarie, etc…
Ma ora e’ giunto il momento di calcolare e stilare, sulla base di queste informazioni, un bilancio previsionale.

La finalita’ di questa parte del business plan e’ quella di verificare la redditività del progetto imprenditoriale, e per capire cio’ e’ necessario fornire i seguenti valori/dati
• a) Budget delle spese di costituzione e di avvio
• b) Valorizzazione del costo del lavoro dei soci che prestano attività propria nell’impresa
• c) Budget dei costi fissi
• d) Calcolo del costo variabile e totale per unità di prodotto
• e) Punto di pareggio
• f) Budget delle vendite
• g) Preventivo del Conto Economico
• h) Preventivo delle entrate e delle uscite. Fabbisogno finanziario
di breve, medio e lungo periodo e relative fonti di copertura

Devi sapere che ogni buon business plan che si rispetti deve essere corredato di alcuni documenti utili per
completare il quadro della situazione.

Tali documenti sono:
• a) Curriculum dei soci
• b) Riferimenti/estratti documentari
• c) Ricerca di mercato comprensiva dell’indicazione del metodo di ricerca, dei questionari somministrati e di quant’altro utilizzato per l’indagine. Va ricordato che, rispetto alla ricerca di mercato, vanno estrapolati ed inseriti nel piano solo gli elementi quantitativi che giustificano le scelte strategiche, questa modalita’ non appesantisce la lettura del piano d’impresa e consente, al lettore più esigente, di trovare conforto dai dati illustrativi consultando la ricerca completa in allegato.
• d) Offerte di fornitori per impianti e macchinari
• e) Eventuali contratti di affitto o planimetrie e computo metrico opere murarie
• f) Eventuali lettere d’intenti con eventuali clienti (se stipulate)
• g) Accordi strategici, reti tra imprese, persone, strutture, …

CONSIDERAZIONI FINALI

• Alla luce dei dati raccolti, l’idea “sta in piedi”? E’ il momento in cui il futuro imprenditore deve “tirare le somme” e valutare la propria idea di impresa. Devono essere individuati i punti di forza e di debolezza dell’impresa e valutate quindi le probabilita’ di successo o di insuccesso.
• Vanno esplicitati eventuali elementi di incoerenza nella formula imprenditoriale per evitare di aggiungere rischi inutili all’attività che deve nascere. E’ l’unica parte del business plan che non deve essere data ai terzi perche’ serve all’imprenditore per capire se sono state rispettate tutte le regole del mercato e soprattutto vale la pena iniziare l’avventura!

Ti suggerisco uno strumento molto valido che ti può aiutare a sviluppare il tuo business, la tua idea imprenditoriale di pizzeria.

Il Kit per avviare un’attività tutta tua!
e IN OMAGGIO, con il KIT CREAIMPRESA, tutte le informazioni per trovare
i contributi a fondo perduto e i finanziamenti agevolati
più vantaggiosi per aprire una pizzeria!